Maggioli Editore

Open Design Italia 2015, creatività e autoproduzione

Open Design Italia è mostra-mercato e luogo d’incontro sull’autoproduzione e il design di piccola serie. Si rivolge a progettisti, imprenditori, artigiani,  distributori e al grande pubblico che possono entrare in contatto diretto con chi progetta e produce piccole gemme del saper fare, creativi di talento selezionati attraverso  un concorso internazionale. Un programma di conferenze dà l’opportunità a partecipanti e visitatori di confrontarsi sul tema dell’autoproduzione.

 

Partecipanti e tendenze
72 designer espositori, per lo più emergenti, provenienti da Italia, Belgio, Germania, Giappone, Israele, Olanda, Regno Unito, Svizzera. Gli oggetti esposti sono mobili, complementi d’arredo e arredo bagno, illuminazione, stationery, gioielli e accessori per la moda, arredamento per outdoor, strumenti per consumare ed esporre il cibo (anche per ristorazione e contract). Prodotti attenti al riuso e alla nobilitazione dello scarto, spesso risolti con elementi modulari e componibili per massimizzare la produzione, ridurre gli ingombri della spedizione e coinvolgere l’utente nella configurazione finale dell’oggetto. Il legno lasciato al grezzo appare come il materiale protagonista. Alcuni designer sperimentano tecniche inedite nella lavorazione di materiali tradizionali, così come i processi di fabbricazione digitale, non solo per la produzione di oggetti finiti ma anche per la costruzione di macchine per il faidate.

 

Programma
Open Design Italia propone a visitatori e designer una tre giorni di conferenze e dibattiti con designer, critici, accademici ed economisti.

  • Venerdì 29 sarà la giornata dedicata al tema dei maker e della fabbricazione digitale con una conferenza organizzata dal MUSE. Ore 16.30 – Cinque sfumature di Design Open Source
  • Sabato 30  il dibattito riguarderà il tema del Festival dell’Economia, la “mobilità sociale”, declinato nell’abito del design con casi studio che favoriscono lo scambio di competenze e la contaminazione culturale nel settore della creatività. Ore 14.30 – Il design come veicolo di scambio culturale
  • Domenica 31 si punterà a mettere a fuoco che cosa sia l’autoproduzione, portando sia esperienze eccellenti e ben radicate sia nuovi esperimenti di filiera corta. Ore 15.00 - Autoproduzione e piccola serie: punti di vista sul design

 

Ogni giorno, per tutti i designer partecipanti, sono organizzate lezioni ex-catedra da parte di esperti negli ambiti web marketing, retail online, tutela proprietà intellettuale, fotografia ed immagine coordinata; tra gli ospiti illustri Monica Armani, Matteo Ragni e Andrea Negri. E una serie di incontri business to business con professionisti, finalizzati al supporto e allo sviluppo della propria attività; tra gli ospiti illustri, i rappresentanti di Alias, Riva 1920, Jannelli&Volpi, Bonotto, Lago, Venini, Lineabeta e Arbos. Anche quest'anno saranno presenti delle Sezioni Speciali sul tema del design legato al mondo artigiano: una curata dal Consorzio La Trentina con Poli.design e l'altra da Cna Veneto e Cna Vicenza.

 

Orari
L’esposizione è visitabile venerdì 29 maggio dalle 12.00 alle 19.00, sabato 30 maggio dalle 10.00 alle 19.00, domenica 31 maggio dalle 10.00 alle 18.00.
L’ingresso alla mostra mercato è gratuita.

 

www.opendesignitalia.net

 



Ti potrebbe interessare anche



Commenta l'articolo per primo!


Esame Architetto